martedì 7 giugno 2011

ARCHEOLOGIA SARDA: DUOS NURAGHES - BORORE



IL COMPLESSO SI COMPONE DI DUE TORRI DISTINTE 
COSTRUITE IN TEMPI DIVERSI



NURAGHE A

Sono stati trovati 14 livelli di depositi culturali, il più profondo data l’intera torre al 2000 a.C.



È certamente il più antico
È un monotorre a pianta circolare che si conserva per un’altezza massima di m. 4,25 a NO con 7/8 filari.
L’opera muraria si compone di pietre di medie e grandi dimensioni, poliedriche, disposte con una certa cura a file orizzontali e oblique.


L’ingresso, volto a NNE, presenta luce trapezoidale con robusto e rifinito architrave che poggia su quattro pietre per stipite ed è alleggerito da un modesto spiraglio di scarico
Il corridoio non  presenta spazi sussidiari – scala e nicchia – e introduce direttamente nella tholos attraverso un’ampia apertura ogivale.



La camera, lievemente ellittica, residua per un elevato di m. 3,80 e 11/12 filari, non sono presenti nicchie e scala. La copertura del corridoio risulta ad aggetto, così come le pareti della camera che sono costruite con pietre di grandi dimensioni messe in opera su linee orizzontali ed oblique.





NURAGHE B
La torre fu edificata intorno al XV secolo a.C. con un bastione che unisce le due torri


Si tratta di un monotorre con nicchia d’andito, scala e camera marginata da tre nicchie disposte a croce.
Dal terzo filare i blocchi sono disposti con cura a file orizzontali.


L’ingresso, a SE ed ora a cielo aperto, introduce in un corridoio privo di copertura e marginato, nella parete destra, da una nicchia e, nella parte sinistra da un probabile vano scala.


Il corridoio si conclude con un’ampia porta trapezoidale architravata, che introduce nella camera


La camera è circolare ed è ampliata da tre nicchie poligonali ed alta ancora sul riempimento m. 2,86 con 6 filari

La nicchia A, a sinistra, ha ingresso trapezoidale e soffitto tabulare gradonato


La nicchia B, centrale, ha ingesso trapezoidale


La nicchia C è coassiale alla A

Nessun commento:

Posta un commento