sabato 4 giugno 2011

Archeologia Sarda: AREA ARCHEOLOGICA “ILOI”, SEDILO


NURAGHE



Il nuraghe è un polilobato di tipo misto con quattro torri visibili ed  è accessibile solo nella torre di Sud/Est



            La torre di Sud/Est conserva ancora:



- la tholos intatta





- una profonda nicchia  sopraelevata di due filari dal piano di calpestio




- un vano scala, anch'esso sopraelevato, parzialmente in stato di crollo



La torre del "mastio risulta ancora inacessibile  





VILLAGGIO  

Il villaggio adiacente al nuraghe si compone di capanne circolari e rettangolari






TOMBE DEI GIGANTI

TOMBA A

TOMBA B


La Tomba A

La tomba A, come la B, è interamente costruita con grossi conci di basalto perfettamente  squadrati.

La camera funeraria è completamente lastricata sul pavimento.




Il corpo funerario è rifasciato da filari poligonali




Dal secondo filare i conci sono aggettanti e attribuibili a coperture a doppio spiovente.




L'abside presenta una serie di blocchi a faccia curva finemente lavorati e combacianti.





La Tomba B

Questa sepoltura aveva un'architettura differente dalla tomba A e le dimensioni erano maggiori.

Il corridoio conserva il lastricato del corpo funerario a lastre livellate poligonali.





La sepoltura è costituita da conci finemente lavorati alla martellina, la parte absidale si compone di blocchi disposti a filari di uguale altezza e spessore perfettamente combacianti.





Gli ortostati monolitici perimetrali sono presenti solo in parte e i conci in "situ" dell'esedra sono ormai al primo filare dal gradino che lo circonda perimetralmente.





A pochi metri si può osservare comunque il concio dentellato e conci perfettamente rifiniti, dotati di incassi e incastri, che lasciano capire la perfezione architettonica acquisita.





Fabrizio e Giovanna

2 commenti: