lunedì 7 marzo 2016

Pont’Ezzu - Illorai



Pont’Ezzu o ponte del diavolo si trova nel territorio di Illorai all’interno del Goceano sul fiume Tirso. 


Fu probabilmente edificato in età romana subendo distruzioni e rifacimenti, finché, in epoca medievale, fu sistemato definitivamente ad opera di maestranze pisane.


V. Angius nel Dizionario geografico storico-statistico-commerciale degli Stati di S.M. il Re di Sardegna, III, Torino, 1836, riferisce un’antica tradizione non suffragata da dati storici che attribuisce la costruzione del ponte alla volontà di Eleonora d'Arborea.


Il ponte, che poggia sulla roccia granitica, presenta un profilo a schiena d’asino che agevola il passaggio da una sponda all'altra del fiume.

 
Si compone di tre arcate a tutto sesto, quella centrale è più ampia ed alta delle laterali, che in antico fungevano da sfiatatoi per contrastare le piene del Tirso.


 









Il monumento è lungo 35 metri ed è il meglio conservato della Sardegna, purtroppo fino ad ora sono stati condotti pochi studi e si presenta pressoché inedito.


Fabrizio e Giovanna

2 commenti:

  1. Probabilmente per un refuso gli archi del ponte di Illorai vengono descritti del tipo a "sesto acuto " mentre invece sono da ascriversi alla tipologia "a tutto sesto"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per il commento, provvederemo subito alla correzione di dell'imbarazzante refuso.

      Il Mulino.

      Elimina