sabato 2 luglio 2016

LA TOMBA DEI GIGANTI DI PALATU - BIRORI (NU)


La tomba dei giganti di Palatu sorge all’interno del paese di Birori in provincia di Nuoro, edificata su uno strato di trachite precedentemente spianato, fu scavata  nel 1982 da Alberto Moravetti.



Il monumento è orientato lungo l’asse NO/SE, l’ingresso al corridoio tombale absidato si affaccia a SE.



Il sepolcro di Palatu segue il classico schema a protome taurina, con corpo tombale allungato preceduto da un’ampia esedra, che in questo caso è formata da grandi lastroni infissi ortostaticamente nel terreno, di essi ne sopravvivono in situ quattro per parte.



Esternamente l’esedra conserva una panca composta da blocchi affiancati di medie dimensioni, che gli scavi hanno evidenziato essere frutto di una seconda fase edificatoria di poco successiva alla prima.



Lo spessore murario tra le due ali dell’esedra e del corpo tombale è costituito da pietrame minuto.



Della probabile monumentale stele centinata restano oggi soltanto due monconi ai lati del portello d’ingresso, utili a quantificare la sua grandezza.



Il corridoio funerario, lungo m 11.55, è costituito da ortostati di base sormontati da filari di blocchi leggermente aggettanti sui quali poggiava la copertura a piattabanda.



Poco dopo l’ingresso, nello spessore murario, si aprono due nicchie quadrangolari contrapposte che presentano alcune differenze.
Quella di sinistra è delimitata lateralmente da tre lastroni ortostatici e da uno di piano che si presentano lavorati con cura e perfettamente connessi tra loro.
La nicchia posta a destra è del tutto simile all’altra però il piano, che risulta essere leggermente sopraelevato, è costituito da due pietre mal connesse tra loro e appena sbozzate.




Fabrizio e Giovanna

Nessun commento:

Posta un commento